L’impresa quale sistema complesso

 

 

Definizione di un’impresa, sotto il profilo strutturale quale sistema socio-tecnico di tipo aperto:

L’impresa è un sistema perché è costituita da un insieme di parti od organi, ciascuno dei quali deputato a svolgere una determinata funzione per il raggiungimento di un comune risultato. L’impresa è un sistema di tipo aperto poiché per vivere deve intrattenere continue relazioni di scambio con altri sistemi o entità esterne; queste relazioni sono del tipo input (approvvigionamento) e del tipo output (cessione di beni e servizi).

L’azienda è un sistema socio-tecnico perché nell’azienda non occorre solo un’organizzazione del lavoro relativa all’impiego del fattore umano, ma anche un’organizzazione tecnica costituita da impianti, attrezzature e tecnologie produttive.

 

Definizione dell’impresa, sotto il profilo dinamico, quale sistema di produzione e accumulazione di conoscenze:

L’impresa è un sistema di conoscenze atto a produrre nuova conoscenza (innovazioni) e questa capacità è legata all’accumulo del sapere e al formarsi di valori di sviluppo all’interno dell’impresa.

 

Classificazione delle imprese in funzione dell’assetto istituzionale (imprese capitalistiche, manageriali, cooperative, non profit):

L’impresa capitalistica è quella in cui è presente l’imprenditore capitalista, proprietario dei mezzi di produzione e gestore diretto dell’attività produttiva.

L’impresa manageriale è quella in cui si ha una scissione tra la proprietà e il governo dell’impresa stessa a causa dell’eccessivo frazionamento della prima e dell’affidamento del secondo a manager professionisti.

L’impresa cooperativa è quella in cui vi è comunanza assoluta di scopi tra coloro che vi partecipano e vi è un rapporto diretto tra la formazione del capitale e la platea dei soci.

L’organizzazione non profit è quella in cui si ha l’amministrazione fiduciaria di capitali forniti dallo Stato o da contribuzioni volontarie allo scopo di raggiungere finalità sociali.

 

Parametri dimensionali adottati per la distinzione tra piccole, medie e grandi imprese:

I parametri economici si riferiscono al volume d’affari dell’azienda (fatturato) e al valore aggiunto creato nell’impresa (la differenza fra il valore finale della produzione e il costo delle materie impiegate per ottenerla).

I parametri tecnici si riferiscono al processo di produzione e mirano a misurare la potenzialità di produzione di beni e servizi (capacità massima di produzione degli impianti, superficie di vendita, capacità di stoccaggio delle merci.

I parametri patrimoniali riguardano il capitale a disposizione dell’azienda e sono il totale dell’attivo patrimoniale e il totale delle immobilizzazioni.

I parametri organizzativi riguarda il personale impiegato nell’azienda (numero di addetti).

Bisogna considerare più elementi insieme per pervenire a delle valutazioni attendibili.    

 

 

Il sito che tratta
di materie economiche

http://studieconomici.altervista.org